Salta il furto: tutto merito della GPG Rangers

Altavilla Vicentina, 14 marzo – Ore 4:20 circa, la pattuglia V5 dei Rangers, durante il consueto giro ispettivo presso la Burgo Group in via Piave, sorprende 4 individui a volto coperto intenti a rovesciare dei cassonetti, creando così un blocco stradale. Vistisi scoperti, i malviventi aggrediscono la GPG con degli estintori, dapprima spruzzandone solo in contenuto, per poi scagliarli con violenza con l’intenzione di colpirlo. Il Rangers si trova circondato, e temendo per la propria incolumità, estrae la pistola e spara un proiettile in aria, al solo scopo di intimidazione.

Il colpo risuona nel silenzio della notte, i criminali si spaventano e decidono rapidamente che quel furto non si sarebbe concluso, abbandonano sul posto una Opel Astra (poi scoperta essere rubata) e si danno alla fuga a bordo di un furgone bianco, imboccando l’adiacente via Isonzo. Le pattuglie V6 e V17, allertate, accorrono per un supporto immediato, informando contestualmente il Comando Carabinieri di Vicenza. La Centrale dei Carabinieri aggiunge altre due volanti dalla zona di Montecchio Maggiore ed una dal vicentino. Tutte le vetture convergono sul posto. Obiettivo: coprire le principali alternative di fuga e impedire ai criminali di allontanarsi dalla zona. Ore 5:30, l’azione delle forze dell’ordine si conclude alla scoperta di uno squarcio nella recinzione e nel guardrail dell’autostrada A4, utilizzato dai malviventi per evitare i blocchi e dirigersi verso Verona.

Il colpo ad un’azienda del Gruppo Bottega Veneta, cliente di un altro Istituto di VIgilanza, sembrerebbe, quindi, essere stato sventato dalla prontezza e dall’istinto di una GPG Rangers.