La Storia

Luigi Battistolli

 

Rangers, istituto di vigilanza del Gruppo Battistolli, nasce nel 1984 da un’idea di Luigi Battistolli e Giancarlo Marani, con l’obiettivo di supportare attraverso una struttura espressamente dedicata alla sicurezza, il notevole incremento del trasporto valori registrato in quegli anni e che rispetto al passato necessitava di un più importante contributo professionale nella tutela dei preziosi carichi trasportati in tutto il Paese.


Si trattava di un’esigenza già sentita all’interno del Gruppo visto che già nei primi anni ’80 i servizi di vigilanza venivano svolti dalla sezione specifica che era sotto la gestione della divisione trasporto valori (BTV) in particolare a Grosseto, Trento, Milano, Caserta. Nata la nuova realtà, dopo alcuni anni in cui la struttura Rangers ha iniziato a consolidarsi nella provincia di Vicenza, è iniziata una prima fase di sviluppo che ha portato alla creazione delle filiali di Verona e Padova.

Giancarlo Marani

 

La prima centrale operativa a Vicenza (1984)

 

Contestualmente, i nuovi scenari di mercato portavano a considerare la grande opportunità di offrire i servizi della Rangers anche a realtà dai privati, alle attività commerciali, fino alle aziende e agli Enti Pubblici, affermandosi ben presto come realtà leader nel settore della sicurezza. Nel corso degli anni la Rangers ha ampliato notevolmente il proprio raggio d’azione e il proprio business.

Le radio ricetrasmittenti dell’epoca

 

Il concept “città tranquilla” in una pubblicità dei primi anni ’90

Dopo il 2000 la Rangers acquisisce una sua maggior consapevolezza di quanto i servizi che offriva potessero rappresentare una delle chiavi di sviluppo per l’intero Gruppo. Una costante crescita che ha portato nel tempo ad aprire nuove aree operative e conseguentemente nuove filiali.

 

Il 2013 rappresenta un anno fondamentale nella storia della Rangers. Il Gruppo Battistolli decide infatti di convogliare sotto il marchio con la stella e la doppia R tutte le sue attività di vigilanza e sicurezza in Italia. L’operazione, denominata carve-out, comporta la trasformazione di tutte le realtà che fino ad allora operavano nella vigilanza con il marchio BTV, in Rangers nell’attuale configurazione.

 

 

Il primo poster pubblicitario Rangers

Oggi, dopo trent’anni di attività in continua crescita, la Rangers è presente in sei regioni italiane con 22 tra filiali e sedi distaccate affiancando a Vicenza l’intero Veneto ma anche la Lombardia, il Piemonte, il Trentino Alto Adige, l’Emilia Romagna, la Toscana, e la Campania.